Il progetto partecipativo nel dettaglio

L’obiettivo del progetto partecipativo: “Tutti Uniti Per La Pineta ed Una Viareggio Migliore” è di contribuire al nuovo Piano Strutturale condividendo con la città una visione dei valori che ne costituiscono l’identità, riflettere su come tutelarli, individuando criticità ed obiettivi, elaborando linee guide per una mobilità sostenibile, formulando proposte progettuali sulla viabilità della Darsena per razionalizzare i flussi di traffico, evitare il consumo di suolo e di aree verdi.

Aree verdi che offrono servizi ecosistemici in termini di benessere sociale, economico ed ambientale. Alcune delle quali hanno un notevole pregio naturalistico sia a livello locale che globale. Il quartiere della Darsena di Viareggio confina con il Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli dove insistono aree protette a livello Europeo per la presenza di habitat di vitale importanza per la conservazione della biodiversità e la tutela di molti uccelli migratori

La finalità principale del progetto è la stesura di documenti condivisi sulla gestione della città con una visione olistica, dove le attività e la mobilità siano contestualizzate in un’ottica di tutela ambientale.

Il progetto si realizzerà attraverso 6 fasi:

1)Fase iniziale

Verrà costituito un Gruppo di Progetto di cui faranno parte i promotori del progetto insieme a rappresentanti dell’Amministrazione e rappresentanti di Associazioni, Comitati ed Enti che aderiranno al progetto. Il Gruppo di Progetto collaborerà con il Comitato di Garanzia nel favorire il buon andamento del processo partecipativo applicando le dovute integrazioni se necessarie. Nella fase iniziale si pianificherà il lavoro da svolgere individuando i portatori d’interesse, prevedendo  il calendario degli eventi. Si aderirà alla piattaforma regionale di OPEN TOSCANA. In collaborazione con i tecnici del Comune si elaborerà  il materiale divulgativo inerente al Piano Strutturale. Si creerà una pagina ed un gruppo facebook. Si elaborerà il Piano di Comunicazione. Si invieranno gli inviti per l’adesione delle Scuole, alle Associazioni, agli Enti, alle Categorie Produttive.

2)Fase di comunicazione (fase trasversale)
Si realizzerà quanto previsto nel Piano di Comunicazione. L’attività di comunicazione sarà concordata e coordinata dal Gruppo di Progetto in collaborazione con i tecnici dell’Amministrazione. Particolare attenzione sarà dedicata: alla semplicità del linguaggio, alla chiarezza di sintesi. La divulgazione avverrà attraverso diversi canali d’informazione e le iniziative di progetto: gli incontri di quartiere e le passeggiate partecipative.

3)Fase di preparazione agli incontri partecipativi

  • avvio del lavoro nelle scuole
  • attuazione di interviste e distribuzione di questionari
  • organizzazione delle passeggiate partecipative (minimo due) e degli incontri nei quartieri/circoscrizioni (4, uno per circoscrizione)
  • nomina e attivazione del Comitato di Garanzia

Il Comitato di Garanzia sarà costituito da 3 cittadini e due rappresentanti dell’Amministrazione. I 3 cittadini saranno estratti tra i nominativi proposti durante la fase delle interviste e della somministrazione dei questionari. I rappresentanti dell’Amministrazione saranno costituiti da 2 consiglieri comunali uno di maggioranza ed uno di minoranza.

Le iniziative elencate nella fase di preparazione saranno anche utili per raccogliere: informazioni e “saperi diffusi” importanti per arricchire i contenuti divulgati. Il lavoro svolto nelle scuole, durante lo svolgimento degli incontri e delle passeggiate servirà anche a promuovere una riflessione sul territorio in cui si vive: i suoi valori, le sue memorie, le sue trasformazioni, la realtà attuale com’è e come si vorrebbe fosse al fine di costruire una visione, riferita ad un orizzonte temporale di medio e lungo termine, utile alla stesura dei documenti di progetto.

Le interviste riguarderanno Politici e Tecnici dell’Amministrazione, Esperti, rappresentanti di Associazioni di categoria e di volontariato, esponenti dei Comitati locali, rappresentanti delle attività economiche.

Gli incontri di quartiere e le passeggiate si svolgeranno approfondendo i temi emersi durante le interviste e gli incontri nelle scuole con l’ausilio di esperti e dei  tecnici del Comune.

4)Fase di realizzazione degli Incontri Partecipativi
Saranno organizzati 2 incontri partecipativi. Il primo riguarderà la stesura definitiva della Mappa di Comunità con individuazione di obiettivi di tutela e criticità da superare. Il secondo riguarderà l’individuazione di linee guida di mobilità dolce con particolare attenzione al quartiere della Darsena.

5)Fase Finale
Si procederà alla redazione del Documento di Finale da consegnare all’Amministrazione. Si nominerà il Comitato di Monitoraggio individuato per estrazione dai nominativi proposti dai partecipanti al percorso partecipativo. Il Documento Finale sarà costituito dalla Mappa di Comunità di Viareggio con i Valori che costituiscono la sua identità, l’individuazione delle criticità che li minacciano e degli obiettivi che li tutelano, la realizzazione di linee guide per una mobilità sostenibile, la formulazione di proposte progettuali sulla viabilità finalizzate a razionalizzare i flussi di traffico ed evitare il consumo di suolo e di aree verdi.

6)Fase di Controllo e Monitoraggio (fase trasversale)

Sarà svolta dal Comitato di Garanzia durante il processo partecipativo e dal Comitato di Monitoraggio nei mesi successivi alla sua conclusione per verificarne gli esiti.

 

Per ulteriori approfondimenti vi rimandiamo alla pagina dove potrete trovare tutti gli articoli e il materiale pubblicato VEDI ARTICOLO